Chi è Christopher

Christopher Kalemba è il referente locale del progetto di Nkoni Educational Centre. Nel lontano 1993, agli inizi della nostra conoscenza, Christopher dona 6 acri di terra su cui costruire la scuola, ai primordi del progetto. Fonda con gli anziani del villaggio una associazione senza fini di lucro, Karudef, per la gestione della scuola in via di costruzione. Di condizioni economiche agiate, rispetto alla maggioranza degli abitanti della zona, e con un inglese fluente, dedica una parte del suo tempo all'organizzazione del progetto, alla ricerca dei volontari per la costruzione della scuola, delle volontarie per la preparazione dei pasti, alla ricerca dei primi insegnanti che si occuperanno dei corsi primari.

Nato nel 1960 a Nkoni, Christopher è il quinto e ultimo figlio della sua famiglia, ed è l'unico dei 5 figli sopravvissuto all'Aids. Tutti e 4 i suoi fratelli e sorelle sono morti di Aids, lasciando 5 bambini in tenera età (sotto i 10 anni) di cui Chris si è preso cura nella sua famiglia. Questo è uno dei motivi che l'ha visto molto attivo nel progetto del centro per gli orfani.

Mentre a Nkoni e nei villaggi vicini ci sono decine e decine di piccoli orfani per l'Aids, questa scuola ha permesso a molti di loro di andare a scuola, ricevere una formazione e ora hanno un lavoro! Il centro oggi assiste 624 bambini, di cui oltre 350 sono completamente orfani!

 A 25 anni Chris si sposa con Rosemary Nantongo da cui ha 4 figli (che con i nipoti orfani fanno 9). Due dei suoi figli sono all'università e presto saranno laureati.

Chris è diplomato in Scienze Sociali e Amministrazione Sociale; ha iniziato a frequentare l'università - a cui è ancora iscritto, ed ha frequentato diversi corsi di formazione nel campo della Pubblica Amministrazione e del Management.

E' presidente da 10 anni del governo provinciale locale, riconosciuto e rispettato da cittadini e politici, anche grazie alla sua immagine pubblica di benefattore con il Progetto della scuola.

Oggi Christopher pensa di non rinnovare il suo incarico pubblico per dedicare maggior tempo al progetto di Nkoni, che richiede continuamente impegno per mantenere il livello di organizzazione efficace ed efficiente raggiunto, progetto che con orgoglio riceve si aiuti dall'estero ma conta unicamente su personale locale per la gestione quotidiana, lo sviluppo dei sottoprogetti e la cura e tutela degli orfani nella loro coraggiosa vita quotidiana (l'infermiera è un'orfana cresciuta al centro, il vicedirettore è un orfano diventato maestro di secondo livello (abilitato per l'insegnamento nelle classi 6° e 7°).

 

</